Gli uffici nell’era digitale

Gli uffici nell’era digitale

Lavoriamo per i tuoi talenti!

Meritocracy è tutto ciò che serve per la tua strategia di attrazione e acquisizione dei talenti. Migliora il tuo Employer Brand e lo porta agli occhi dei candidati giusti. Ovunque si trovino.

Il mondo del business è in continuo cambiamento, ed è sempre più rivolto verso una cultura global e mobile. Per stare al passo con i tempi, le aziende devono avere un approccio strategico anche nell’organizzazione dei loro ambienti lavorativi. Il design degli uffici può fare la differenza in termini di produttività, e ogni angolo, ogni centimentro può fare la differenza per il successo della compagnia.

I trend vanno e vengono, e ogni giorno nasce una nuova tendenza. Quindi, Meritocracy ha deciso di inoltrarsi nella questione e chiedere ad alcuni professionisti il loro parere a riguardo.

Abbiamo fatto una piacevole chiacchierata con Micheal Setter, dallo studio Setter Architects in Israele, vincitore nel 2017 della A’ Design competition. Il suo studio ha realizzato prestigiosi progetti per molte aziende, e siamo rimasti affascinati dal suo lavoro. Quindi, abbiamo chiesto all’architetto come egli approcci il design di un ufficio aziendale nell’era digitale.

Ciò che abbiamo capito parlando al telefono è stato che la tecnologia, al giorno d’oggi, non leghi una persona alla scrivania ma, anzi, la liberi. “È un modo diverso di lavorare” ha dichiarato l’architetto.
La tecnologia rende i lavoratori liberi di muoversi nello spazio, e di lasciarsi ispirare da ciò che li circonda. Il mondo digital aiuta le persone ad essere flessibili, easy going. Una sedia non risulta più così importante quando hai un pc e puoi muoverti liberamente nell spazio.

La cosa più importante è che lo spazio circostante sia stimolante e motivante, un’atmosfera che si adatti alle necessità, sia dell’azienda che dell’impiegato. “Il nostro dovere è di creare uno spazio che ispiri, anzi, una grande varietà di spazi che ispirino, e tutti devono farlo in modo diverso”. Architetti e designers hanno l’oneroso compito di creare questi spazi, che possono anche somigliare ad una spiaggia sabbiosa se questo può stimolare le menti. “Ciò che importa è creare un grande spettro di ambienti, così che le persone possano scegliere il luogo in cui si sentono più a loro agio per creare e lavorare”. Grazie a questa flessibilità, i designers donano originalità, dando la possibilità di lasciarsi ispirare, creando il luogo più adatto alla cultura aziendale.

Un ambiente completamente digitale modella anche il mind-set aziendale, dove la comunicazione deve rimanere importante, ma i lavoratori devono sentirsi incoraggiati e motivati a dare di più. La proliferazione di dispositivi mobile rende il box, o cubicolo, inutile. Il lavoro è virtuale, e l’IT rende tutto più semplice. Si può fare tutto ovunque e su qualunque dispositivo.

Questo significa essere digitali.


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *